“Non volevo vedere” di Avalon (Fernanda Flamigni), Tiziano Storai

1815-0 Non volevo vedere

Trieste, marzo 1989. Due giovani universitari si incontrano durante l’occupazione della facoltà. Si innamorano, si fidanzano, si sposano… ma lui si rivela autoritario, instabile e dedito alla droga. Un rapporto progressivamente sempre più difficile e claustrofobico, stretto fra l’ostinata convinzione di poter cambiare il destino ed un crescendo di menzogne, minacce e violenza, fino al tragico epilogo. Tratto dalla vicenda autobiografica di uno degli autori, il libro si presenta come una testimonianza «autentica» del distorsivo rapporto uomo/donna che, con agghiacciante frequenza ai giorni nostri, trova sbocco nel dramma del «femminicidio».

L’ultima fatica a 4 mani di Tiziano Storai, della Camera del Lavoro di Pistoia.

Vai al catalogo della casa editrice Ediesse – i libri del lavoro

 

Pubblicato in SEGNALAZIONI Taggato con: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*